diumenge, 23 de juliol de 2017

Vatzinatzione/Vaccinazione






Vatzinatzione: cunsideros epidemiològicos e èticos


         Sa netzessidade de impreare o no impreare sos vatzinos at generadu in custos ùrtimos annos dibatas animadas in sa populatzione e in sos mèdias, siat pro sos casos chi si sunt dados de maladias graves, fintzas a sa morte, in pitzinnos non vatzinados, siat pro sa positzione de grupos crìticos anti-vatzinos.   
         Su guvernu italianu, unas cantas chidas a como, at impostu s'òbligu de sa vatzinatzione de sos pitzinnos finas a sos ses annos de edade pro s'iscritzione in sos asilos e iscolas. Pro sos chi giai frecuentant sas elementares, mèdias e primos duos annos de sas superiores, balet su matessi òbligu e sa non vatzinatzione cumportat una multa a sos babbos e mamas finas a sa retirada de sa potestade chi tenent de sos fìgios.
         Sa vatzinatzione est una mesura preventiva, fundamentale  e de sas prus eficatzes, in cantu a salude in generale. Inoghe apo a faeddare petzi de sas vatzinatziones sistemàticas, chi sunt sas chi tenent  a su matessi tempus caràtere individuale e comunitàriu, chi sunt parte de su programma de salude pùblica e, francu contraindicatziones, sunt indicadas pro totu sa populatzione, sighende unu calendàriu. 
         Sa vatzinatzione est fundamentale in sa preventzione de sas maladias trasmissìbiles e sos benefìtzios suos non si dant in sas pessones vatzinadas ebbia ma fintzas in su restu de sa populatzione giai chi cando sa proportzione de pessones vatzinadas est superiore a unu limite determinadu, sa difusione de sa maladia chi prevenit su vatzinu mìnimat a manera sensìbile in totu sa populatzione.  Custu est unu fenòmenu chi si connoschet comente immunidade de grupu o immunidade de gama (tradutzione dae s'inglesu de "Herd Immunity", tèrmine impreadu pro sa prima borta in su 1923). S'impreu de sos vatzinos sighit duncas istrategias chi chircant sos benefìtzios colletivos, a banda de sa protetzione individuale, pro controllare sas maladias trasmissìbiles e, si est possìbile, pro las fàghere iscumpàrrere de su totu in unu territòriu determinadu.
         Est innegàbile, mirende sas istadìsticas, su minimamentu, mai dadu in antis in s'istòria de sa meighina umana, in pertzentuales a bortas de su 99,9% de s'intzidèntzia, est a nàrrere de su nùmeru de pessones infetadas in unu perìodu determinadu de tempus, de maladias meda in sos ùrtimos chimbanta  annos, e s'iscumparta agiomai totale de àteras comente pro esempru sa pigota, o elogu, e sa poliomielite, gràtzias a s'impreu difusu de sa vatzinatzione
         Sos grupos crìticos cun s'impreu de sos vatzinos ponent in discussione sa seguresa de custos e in prus dant pro segura  s'esistèntzia de una relatzione intre sa vatzinatzione e maladias graves comente s'autismu, s'isclerosi mùltiple o alteratziones immunitàrias o autoimmunitàrias. Intre sos mecanismos chi càusant custos fenòmenos faghent riferimentu a su mercùriu chi cuntenent unos cantos vatzinos o a s'atzione de sos virus atenuados impreados. Totu sos istùdios sientìficos sèrios ant dimustradu però sa farta totale de relatzione causale intre sos vatzinos e custas maladias. Podimus afirmare chi sos vatzinos sunt su mètodu prus seguru pro  amparare sos pitzinnos dae maladias graves.
            Ma, comente in ogni àtera pràtica mèdica, no esistit   un'arriscu zero in s'impreu de sos vatzinos. Si podent dare e sunt descritas reatziones allèrgicas leves o graves, locales o generalizadas, ma sa frecuèntzia de custas complicatziones est meda prus bàscia, in cantidade e calidade, de sas produidas dae sas maladias chi èvitant.
         Sos vatzinos chi si cummertzializant sunt sutapostos a unu cuntrollu severu cun proas clìnicas chi nd'assegurant sa seguresa e s'eficàtzia e, una borta in cummèrtziu, su cuntrollu de sa seguresa sighit.  
         Sa salude est tzertu unu fatu privadu, ma non de su totu; est fintzas unu fatu pùblicu, ca sa salude de una pessone riguardat sa de àteras pessones mescamente in su casu de maladias infetivas.     Nemos vivit isuladu e s'immunidade no est unu fatu personale ebbia, ca dipendet dae s'immunidade colletiva. Sa salude individuale est parte duncas de sa salude colletiva e custu signìficat chi cada unu de nois est sugetu a deretos e doveres colletivos. De sa matessi manera chi sa colletividade non podet fàghere dannu a un'indivìduu, custu non podet renuntziare a sos doveres suos cun sa sotziedade a càmbiu de un'arriscu infinitèsimu. 
         Sos tzitadinos chi bardant sa salude issoro e de sos fìgios cun vatzinos seguros e eficatzes e chi contribuint a elevare  s'immunidade de grupu, o immunidade de gama. sunt solidàrios cun sos chi non si vatzinant. Custa solidariedade però no est retzìproca. Podimus nàrrere chi sos chi detzident voluntariamente de non si vatzinare, o de non fàghere vatzinare,  sunt insolidàrios cun su restu de sa populatzione, siant o nono cussientes de su chi faghent; s'aprofetant de sa sotziedade, non partètzipant a sa creatzione de su bene colletivu chi est s'immunidade de grupu, ma l'isfrutant.
         Òbligu de sas autoridades sanitàrias est su de informare a manera crara a propòsitu de efetividade individuale e utilidade colletiva de sos vatzinos, efetos secundàrios non disigiados chi semper si podent dare, sena esagerare in s'eficàtzia o minimare o cuare sos efetos secundàrios possìbiles. Est dovere de s'autoridade sanitària però denuntziare totu sas positziones chi cherent istabilire sena peruna base sientìfica relatziones intre vatzinos e maladias comente s'autismu o patologias autoimmunes. Inoghe sos professionales de sa salude tenimus una responsabilidade importante.
         Esistint indivìduos chi si podent negare a dare su cunsensu pro si vatzinare, mancari chi comente dotores lis damus  totu sas resones a favore, siat comente protetzione personale siat comente protetzione de sa populatzione. Sas càusas pro si negare a sa vatzinatzione sunt variadas e pro su prus non tenent fundamentos sientìficos: si podent dare pro unu cumbinchimentu ideològicu, pro dudas de su perìgulu chi podent prevènnere o pro s'eficàtzia, pro sa timòria de su dannu chi podet dare, dannu pertzepidu o immaginadu; si podet arrivare a prefèrrere s'arriscu de sa maladia a su vatzinu.
         Una pessone tenet totu su deretu a no acunsentire a un'atu mèdicu in su corpus suo e custu est unu printzìpiu, printzìpiu de autonomia, cuntempladu dae sa lege e chi in ogni detzisione clìnica devimus rispetare.  
         In totu sas dispositziones legales, e deontològicas, bi sunt etzetziones a su deretu de si negare a un'atu mèdicu e sa prima chi nos interessat est s'esistèntzia de un'arriscu pro sa salude pùblica. Sa sotziedade in custu casu tenet su deretu, e si podet nàrrere fintzas s'òbligu, de impònnere unas detzisiones pro su bene comune, mancari chi custu cumportet sa limitatzione de sa libertade individuale.

         
Àtera etzetzione: sos minores de edade. Sunt pessones chi galu non tenent sa capatzidade de detzìdere e duncas su cunsentimentu lu devent dare su babbu e sa mama o sos tutores. S'obietzione de custos a los vatzinare nos faghet pensare a sa responsabilidade e a sa possìbile negligèntzia issoro. Su deretu de sos babbos e mamas de procurare arriscos a sos fìgios tenet unos lìmites fintzas a arrivare a situatzione de non tolleràntzia. Devimus tènnere contu però chi non si tratat de sa negativa a un'interventu netzessàriu in presèntzia de unu fatu patològicu, comente podet èssere s'antibioticoterapia in una infetzione o un'operatzione chirùrgica.
         Fortzare sa detzisione de sos babbos e mamas fintzas a los  castigare, a seguru chi podet èssere de esempru pro àteros però si dat una sensatzione de prepotèntzia e de ingiustìtzia. Sas mesuras impostas dae su guvernu italianu, a seguru ant a aumentare su nùmeru de vatzinados, ma a su matessi tempus ant a aumentare su nùmeru de sos chi defensant su deretu a detzìdere, pro non contare sos chi ant a acusare unu dannu, reale o supostu, e chi diant pesare prus abolotu de sa majoria immensa chi retzit benefìtzios dae su vatzinu. Si diant multiplicare sas dimandas pro lesiones posteriores: "a pustis de su vatzinu est sutzessu custu a fìgiu nostru, duncas derivat dae su vatzinu".
Est fundamentale duncas:
- Amentare s'informatzione subra efetividade e arriscos de sos vatzinos.
-   Informare de sas maladias graves chi oe sunt raras o iscumpartas gràtzias a sos vatzinos.
- Denuntziare cun coràgiu totu sas ipòtesis irratzionales, immaginàrias e antisientìficas intre vatzinos e maladias graves, mescamente si divulgadas dae personale mèdicu.
- Fàghere apellu a sa solidariedade comente valore de sa salude pùblica.
- Afirmare chi sa sotziedade tenet deretu a obligare sa vatzinatzione cando siat netzessàriu, pro esempru in casu de epidemias.

- Interventos craros e detzisos de sos Òrdines professionales  de sos dotores pro cunsiderare comente una mala pràtica, e pònnere duncas in perigulu sos patzientes, sa non racumandatzione a vatzinare, sa racumandatzione a non vatzinare o s'impreu de meighinas alternativas.

**************************


Vaccinazione: considerazioni epidemiologiche ed etiche


         La necessità dell'uso o non uso dei vaccini ha generato in questi ultimi anni accesi dibattiti nella popolazione e nei media, sia per i casi che si son dati con l'insorgenza di gravi malattie, con esito a volte fatale, in bambini non vaccinati, sia per le posizioni di alcuni gruppi critici anti-vaccino
         Il governo italiano, alcune settimane fa, ha imposto l'obbligo della vaccinazione dei bambini al di sotto dei sei anni per l'iscrizione negli asili e nelle scuole. Per chi già frequenta le elementari, le medie e i primi due anni delle superiori, vale lo stesso obbligo, e la non vaccinazione comporta una multa ai genitori fino alla sospensione della patria potestà.
         La vaccinazione è una misura preventiva, fondamentale e delle più efficaci riguardo alla salute in generale. Qui parlerò solamente di vaccinazioni sistematiche, di quelle cioè che hanno allo stesso tempo carattere individuale e comunitario, che son parte del programma di salute pubblica e, eccetto per alcune controindicazioni, sono indicate per tutta la popolazione, secondo un calendario prestabilito.
         La vaccinazione è fondamentale nella prevenzione delle malattie trasmissibili e i suoi benefici non si danno esclusivamente nelle persone vaccinate ma anche nel resto della popolazione poiché quando il tasso di persone vaccinate supera un certo livello, la diffusione della malattia che il vaccino previene diminuisce in maniera sensibile in tutta la popolazione. Questo è un fenomeno conosciuto come immunità di gruppo o immunità di gregge (traduzione dall'inglese di "Herd Immunity", termine usato per la prima volta nel 1923). L'impiego dei vaccini segue dunque strategie che cercano i benefici collettivi, oltre alla protezione individuale, per il controllo delle malattie trasmissibili e, se possibile per la loro totale scomparsa in un territorio determinato.
         È innegabile, osservando le statistiche, la diminuzione, mai data prima nella storia della medicina umana, in percentuali a volte del 99,9% dell'incidenza, del numero cioè delle persone infette in un determinato periodo di tempo, di molte malattie negli ultimi cinquanta anni, e la scomparsa quasi totale di altre come il vaiolo e la poliomielite, grazie all'uso diffuso della vaccinazione.
         I gruppi critici con l'impiego dei vaccini mettono in discussione la sicurezza di questi e inoltre danno per certa l'esistenza di un rapporto tra vaccinazione e gravi malattie quali l'autismo, la sclerosi multiple o alterazioni immunitarie e autoimmunitarie. Tra i meccanismi causanti questi fenomeni fanno riferimento al mercurio che contengono alcuni vaccini o all'azione stessa dei virus attenuati usati. Tutti gli studi scientifici seri hanno dimostrato però la totale mancanza di relazione causale fra vaccini e queste malattie. Si può affermare che i vaccini sono il metodo più sicuro per proteggere i bambini da gravi malattie.   
         Ma, come in ogni altra pratica medica, non esiste un rischio zero nell'uso dei vaccini. Si possono dare e sono descritte reazioni allergiche lievi o gravi, localizzate o generalizzate, ma la frequenza di queste complicazioni è notevolmente inferiore, in quantità e qualità, a quelle prodotte dalle malattie che prevengono.
         I vaccini che si commercializzano sono sottoposti a severi controlli che ne assicurano la sicurezza e l'efficacia e, una volta in commercio, ne viene monitorata la sicurezza.
         La salute è certamente un fatto privato, ma non del tutto; si tratta anche di un fatto pubblico, poiché la salute di una persona riguarda anche la salute di altre persone soprattutto nei casi di malattie infettive. Nessuno vive isolato e l'immunità non è solo un fatto personale, poiché dipende dall'immunità collettiva. La salute individuale è dunque parte della salute collettiva e questo significa che ognuno di noi è soggetto a diritti e doveri collettivi. Così come la collettività non può recare danno a un individuo, questo non può rinunciare ai propri doveri con la società a cambio di un rischio infimo.
         I cittadini che proteggono la loro salute e quella dei figli con vaccini sicuri e efficaci elevando allo stesso tempo l'immunità di gruppo, o di gregge, sono solidali con quelli che non si vaccinano. Questa solidarietà però non è reciproca. Si può affermare che le persone che decidono volontariamente di non vaccinarsi o di non far vaccinare, sono insolidali con il resto della popolazione, siano o no coscienti di quel che fanno; si approfittano della società, non partecipano alla creazione del bene collettivo che è l'immunità di gruppo, ma la sfruttano.
         Obbligo delle autorità sanitarie è quello di informare chiaramente a proposito della effettività individuale e utilità collettiva dei vaccini, senza esagerarne l'efficacia, sugli effetti secondari non desiderati che sempre si posson dare,  senza sminuire o nascondere i possibili effetti secondari. Allo stesso tempo è dovere delle autorità sanitarie denunciare le posizioni di chi vuole stabilire, senza alcuna base scientifica, delle relazioni tra i vaccini e malattie quali l'autismo o patologie autoimmuni. I professionali della salute abbiamo qui un importante compito di responsabilità.
         Esistono individui che possono non dare il loro consenso per farsi vaccinare, anche se come medici abbiamo spiegato loro tutte le ragioni a favore , sia per quanto riguarda la protezione personale sia per quanto riguarda la protezione della popolazione. Le cause per non accettare la vaccinazione sono varie e per lo più senza alcuna base scientifica: possono essere dettate da convinzioni ideologiche, da dubbi sul pericolo che possono prevenire,  dall'efficacia del vaccino, dal timore del danno che può recare, danno a volte immaginario; si può arrivare a preferire il rischio della malattia alla somminstratzione del vaccino.
         Una persona ha tutto il diritto a negare il consenso a un atto medico sul proprio corpo e questo è un principio, principio di autonomia, contemplato dalla legge e che dobbiamo sempre rispettare in ogni decisione clinica.
         In tutte le disposizioni legali, e deontologiche, ci sono eccezioni al diritto di negarsi a un atto medico e la prima che ci interessa è l'esistenza di un rischio per la salute pubblica. La società in questo caso ha il diritto, e si può anche affermare che ha l'obbligo, di imporre una decisione per il bene comune, anche se questo comporta la limitazione della libertà individuale.
         Un'altra eccezione: i minori di età. Sono persone che non possiedono ancora la capacità di decidere e quindi il loro consentimento lo devono dare i genitori o i tutori. L'obiezione di questi alla vaccinazione ci fa pensare alla responsabilità e possibile loro negligenza. Il diritto dei genitori di procurare dei rischi ai figli ha dei limiti, fino ad arrivare però a situazioni di non tolleranza. Dobbiamo però anche valutare che non si tratta  del rifiuto a un intervento necessario  in presenza di un fatto patologico, come può essere la somministrazione dell'antibioticoterapia in una infezione o un intervento chirurgico.
         Forzare la decisione dei genitori fino al castigo, sicuramente può essere di esempio per altri ma si da allo stesso tempo una sensazione di prepotenza e di ingiustizia.  Le misure varate di recente dal governo italiano sicuramente aumenteranno il numero dei vaccinati, ma allo stesso tempo aumenteranno il numero di quelli che difendono il proprio diritto a decidere, per non contare inoltre quelli che accuseranno un danno, reale o supposto, e che faranno più chiasso della immensa maggioranza che riceve benefici dal vaccino. Si moltiplicheranno inoltre le richieste per risarcimenti : "dopo il vaccino è successo questo a nostro figlio, dunque la causa è il vaccino".
È fondamentale quindi:
- Aumentare l'informazione su efficacia e rischi dei vaccini.
- Informare inoltre delle gravi malattie che oggi sono rare o scomparse grazie ai vaccini.
- Denunciare con coraggio tutte le ipotesi irrazionali, immaginarie e antiscientifiche su relazioni tra vaccini e malattie gravi, specialmente se divulgate da personale medico.
- Fare appello alla solidarietà come valore di salute pubblica.
- Affermare che la società ha diritto a obbligare la vaccinazione se necessario, per esempio in caso di epidemia.
- Richiedere interventi chiari e decisi degli Ordini professionali dei medici per considerare mala prassi, mettendo dunque in pericolo i pazienti, la non racomanzazione alla vaccinazione, la raccomandazione alla non vaccinazione o l'impiego di medicine alternative.

dissabte, 22 de juliol de 2017

Despedida - F. García Lorca







Despedida     

Si mòrgio,
lassade su balcone abertu.

Su pitzinnu est mandighende arantzu.
(Dae su balcone lu so bidende).

Su messadore est messende trigu.
(Dae su balcone lu so bidende).

Si mòrgio,
lassade su balcone abertu!



Despedida


Si muero, 
dejad el balcón abierto. 

El niño come naranjas. 
(Desde mi balcón lo veo). 

El segador siega el trigo. 
(Desde mi balcón lo siento). 

¡Si muero, 
dejad el balcón abierto!


G. Deledda - Còsima





Prus bonu cun issa est su frade Andria. Cando sas duas sorres sunt giai tzucadas a iscola, su pitzinnu falat a coghina, ma non tenet gana de leare su cafellate; cosa de femineddas, nat chi. Isse diat mandigare unu cantu de petza ruja mesu crua, ma sigomente non bi nd'at, s'acunortat a rotzigare cun sas dentes fortes chi tenet pane tostu e unu bìculu de corgiola de casu leados dae sa canistedda de sos tzeracos. Nannedda li ponet fatu preghende·lu, a tzìchera prena in manos; ca Andria est s'addoru prus mannu suo, s'anneu suo e s'ùnicu oriolu chi tenet.
    - Unu pastore mi pares, - narat, aporrende·li sa tzìchera. - Lea custu; le' angioneddu de domo; su maistru t'at a leare su fragu de su casu.
    - E isse, chie est? Deo so unu pastore ricu, ma isse est unu  pòveru pedulianu, un'imbreagone piogosu.
    Gosi faeddat Andria de su professore suo de latinu; e lu narat cumbìnchidu, ca pro a isse totu sos chi campant de trabàgliu intelletuale sunt prus pòveros de sos tzeracos pastores e de sos maniales.
    Sa mentalidade sua est de a beru sa de unu pastore ricu, chi faghet una bida rude ma tenet bestiàmene, terras e dinari, e mescamente tenet sa libertade de fàghere su chi cheret, siat pro su bene e siat pro su male. Fintzas sa carena sua est massitza, grussatza, sa bestimenta discuidada; ma sa conca caraterìstica, maestosa, istupuda  de pilos nieddos che pighe; nasicatadu e lavras carrìviles; sos ogros chisinatos indeorados, lughentes che sos de s'àstore. No li agradat a istudiare e est cuntentu petzi cando si nche podet fuire dae domo, a caddu. che unu  chentàuru giovaneddu. Nemos l'aiat imparadu a andare a caddu; isse però setzit fintzas a pilu sos puddedros arestes e sos tzichìrrios suos pro los atorigare faghent a bìnchidas cun sos annìjidos issoro.  
    Bidende a Còsima, sètzida chieta in una cadreedda, a tzìchera in coa, l'at iscantzadu sas lavras e in antis de si nch'essire si li fiat acurtziadu narende·li a s'iscùsia, cun unu tonu de complitzidade:
    - Domìniga t'apo a giùghere, a caddu, a su Monte:  tue muda però, mi'!

    Sos ogros ampros de issa si fiant isbambarriados, lughentes de cuntentesa e de isperu; sa promisa de su frade, prena de losingas e bisuras istraordinàrias, si fiat misturada a sas fantasias suas pensende a s'arcanu de sa criadura nàschida cussa note in domo, bènnida non s'ischiat dae ue, nen comente e nen pro ite.